C’è una cosa nella quale mi perdo ogni giorno, che mi rilassa, che farei per ore senza mai stancarmi. Ed è l’organizzare la mia agenda, un po’ come avere tutta una vita in poche pagine. Che poi, poche? Vogliamo seriamente parlarne?

E perchè mai dedicarci addirittura un post? 

Perchè questa volta sarà un misto tra tutorial e plan with me. Ma partiamo dall’inizio, cioè dal 25 dicembre 2017. Giorno in cui ho ricevuto la mia prima filofax, che sarà mai in fondo?  E invece significa tanto, per me almeno, non solo perchè ha segnato l’inizio ufficiale della mia attività lavorativa, con idee e programmazioni che ho riportato da un vecchio quaderno alla filofax. Level up abbestia!

Ebbene, io che sono sempre una valanga di idee sparse ben confuse nella testa ho avuto l’opportunità, con la filofax, di suddividere la mia vita in sezioni. Nello specifico in questo modo, in due Macro-sezioni: Agenda giornaliera e Vita da Freelance.

Cosa che a qualcuno potrebbe far spavento. E invece a me no. Perchè tenere tutto separato è fondamentale, rischio di confondermi, ma rischio anche di perdermi qualche pezzo, se non ho tutto dove dico io.

Le macro sezioni le ho poi suddivise in alcuni sottorami, e cioè:

Agenda giornaliera

  • Youtube

  • Post Blog

  • Libri

  • Agenda

Vita da Freelance

  • Spese lavoro

  • Progetti

  • Clienti

  • Marketing e business plan annuale

  • Cose in sospeso

Risultato? 

Un’agenda che è diventata una vera compagna d’avventure, nella quale non solo mi permetto di segnare le cose di lavoro, ma anche le uscite con le amiche e vogliamo parlare degli appunti presi quando l’ispirazione ti coglie all’improvviso?

 

E dovevo pur dividerle in qualche modo, no? Con qualche divisorio, magari? Ho impaginato il tutto, stampato e plastificato. Se non plastificate non è un problema, potete anche optare per stampare direttamente su cartoncino. 

Veniamo alla realizzazione dei divisori. Ho trovato su freepik dei pattern adorabili, che ho poi inserito nei miei divisori.

Impaginati, procediamo poi con la stampa e con la plastificazione. Ve l’ho già detto che plastificare è una cosa favolosa? Plastificherei tutto. Qualcuno dovrà fermarmi. Prima o poi.

E quindi? Una volta che abbiamo plastificato il mondo cosa facciamo?

Ci apprestiamo a tagliare nel modo più preciso possibile! Il pattern vi darà una mano, altrimenti inserite le linee di taglio mentre preparate i file.

Il procedimento è stato più lungo di quanto pensassi, ma assai rilassante per chi ama fare queste cose.

Quando dopo lunghissime ore ho finito di tagliare, ho concluso il tutto forando con la perforatrice Rapesco, che per forare un A5 ti obbliga a fare due passaggi. (Quella che ho io, almeno)

La scelta di utilizzare lo stesso pattern per la sezione “Vita da freelance” è stata dovuta, per non creare troppa discrepanza con il resto, in modo che non mi confondesse le idee. Una sua sezione con un suo pattern, mi piace tantissimo come idea.

I progetti per il futuro adesso sono quelli di inserire anche una sezione per i film, o per le serie tv, ma già così la filofax ha iniziato a pesicchiare, quindi penso che per il momento mi fermerò qui, senza aggiungere altro.

Adesso tocca a voi! Vi va di raccontarmi come avete deciso di gestire le vostre agende, quali sono quelle di cui non riuscite a farne a meno etc.?